Navigation Menu+

Associazione Speleologica Bresciana

Posted in Sotterranei

SITO – EMAIL :

www.speleoasb.org
info@speleoasb.org

STORIA

Il Castello di Brescia si trova sul colle Cidneo, a una quota di circa 250 m s.l.m. Il colle è costituito da una roccia calcarea che localmente prende il nome di “medolo” e con la quale è stato costruita l’intera fortificazione. I versanti ovest e nord si presentano molto ripidi, mentre il pendio meridionale è decisamente più dolce. Il Castello è in realtà una possente fortezza che ha subito, nel corso dei secoli, una serie di trasformazioni ed ampliamenti dovuti ai mutamenti delle tecniche militari. Quello che oggi appare come un edificio completo e immutabile è stato per secoli un cantiere in continua evoluzione. La superficie attuale racchiusa tra le sue mura è di circa 75.000 metri quadrati e, come già appare evidente ad un primo colpo d’occhio, le strutture esistenti sono da attribuirsi a due diversi periodi storici e ai due principali dominatori della nostra città: la parte più alta, racchiusa tra le mura del secondo ponte levatoio, risale al periodo medioevale (XIV° –  inizio XV° secolo) e alla famiglia milanese dei Visconti, mentre le altre strutture più basse sono state edificate nei secoli successivi, a partire dalla fine del XV° secolo durante la dominazione della Repubblica di Venezia. Benché gli scavi archeologici abbiano dimostrato che la presenza di ambienti sotterranei nell’area del Castello risale almeno al periodo romano, è soprattutto nel corso della dominazione veneta che viene realizzato un vastissimo e articolato sistema di ambienti sotterranei per adeguare via via le fortificazioni all’incalzante perfezionamento delle tecniche di guerra. Sono state riscoperte cannoniere servite da un complesso apparato di casematte, camminamenti e cunicoli, gallerie di sortita, condotti di ventilazione, depositi delle polveri, cisterne per l’acqua e magazzini.

FINALITA’

L’Associazione Speleologica Bresciana nell’ambito delle attività di Speleologia in cavità artificiali, ha ideato e presentato nel 1998 il progetto “Alla Scoperta dei Sotterranei del Castello di Brescia”. Dopo una preliminare indagine bibliografica e archivistica (Brescia – Verona – Venezia e Torino) su incarico del Comune di Brescia ha realizzato un programma di ricerca volto a censire, rilevare e documentare la rete delle cavità sotterranee ancora esistenti all’interno della fortezza Cidnea.Le operazioni hanno impegnato una decina di soci per oltre due anni e si sono concluse con la consegna di una vastissima documentazione: tavole di rilievo (accessibilità, datazione storica, particolari architettonici), fotografie, riprese video e una dettagliata relazione finale. Le indagini svolte hanno consentito di riscoprire ambienti ormai dimenticati e hanno permesso al Comune di Brescia di programmare interventi di restauro per renderli nuovamente visibili e fruibili; inoltre sono state individuate strutture e trasformazioni che erano ancora sconosciute agli studiosi o, in alcuni casi, da loro solo ipotizzate sulla scorta delle fonti scritte o iconografiche. La consapevolezza dell’importanza delle ricerche svolte ci ha poi visti impegnati nella realizzazione di una pubblicazione che riassumesse e spiegasse, con termini semplici, ciò che fino a quel momento avevamo scoperto; ecco che a settembre del 2002 viene presentato alla cittadinanza il libro “Segreti e Segrete del Castello di Brescia”. Dal giugno del 2003 vengono organizzate visite guidate per il pubblico e visite didattiche per le scuole che consentono di accedere all’interno degli ambienti riscoperti per meglio conoscere un luogo fondamentale nella storia della città di Brescia.

VISITE GUIDATE “Segrete e i segreti del Castello di Brescia”

Si tratta sempre di itinerari nel Castello, parte in esterno e parte in luoghi interni: in sostanza una passeggiata alla scoperta di quelle zone del Castello che solitamente sono chiuse al pubblico. Per i gruppi preorganizzati siamo sempre a disposizione: il numero minimo di partecipanti è di 15 persone e il massimo di 30-35 persone. Per le prime tre proposte è possibile far partire due gruppi in contemporanea, quindi per un totale massimo di 60-65 persone, che visiteranno le stesse cose in tempi diversi. Per eventuali domande potete contattarci al 338 7766622 oppure inviando una mail con le richieste a info@speleoasb.org. Maggiori dettagli sul nostro sito www.speleoasb.org

La Zona più Antica e i suoi Ambienti più Suggestivi

La visita permetterà di accedere ad alcuni degli ambienti che, per caratteristiche architettoniche, che meglio rappresentano il Castello di Brescia e le sue continue trasformazioni. In particolare si potrà accedere all’interno della Torre dei Prigionieri, della Torre dei Francesi, della Torre Coltrina e riscoprire i Magazzini dell’Olio. Abbigliamento sportivo scarpe comode e una pila ciascuno.

Durata dell’itinerario: Circa 2 ore.

La Zona più Antica e le riserve dell’acqua

Durante la visita si accederà alla maggior parte degli ambienti del Castello che, dopo gli interventi di restauro, sono ora “comodamente” accessibili. Entreremo nelle Torri, ognuna con diverse peculiarità, e riscopriremo la zona circostante il Mastio Visconteo che presenta strutture di epoche differenti (romana, medioevale, rinascimentale) ed è caratterizzata dai suggestivi Magazzini dell’Olio. La visita sarà completata percorrendo il triangolo fortificato e riscoprendo le polveriere e le numerose cisterne idriche presenti nella fortezza (non accessibili al pubblico internamente). Si tratta di una visita che nelle prime due ore è uguale alla proposta precedente, ma più ampia ed articolata con maggiori punti di vista. Abbigliamento sportivo scarpe comode e una pila ciascuno.  Durata dell’itinerario: Circa 3 ore.

Visita ai Bastioni di S. Pietro, S. Marco e del Soccorso

La visita permetterà di accedere all’interno di ambienti che non sono fruibili dal pubblico durante le normali visite guidate in quanto non sono illuminati e la percorribilità presenta qualche difficoltà sia per la limitata ampiezza di alcuni locali che per la pavimentazione sconnessa. In particolare si potrà percorrere la sortita di San Marco, accedere alle casematte inferiori del Bastione del Soccorso e riscoprire, nel Bastione di San Pietro, le cannoniere che delimitavano il precedente Bastione Francese (detto anche triangolo francese). I partecipanti, che dovranno calzare scarponcini o similari, verranno dotati di casco con impianto a led (normalmente utilizzato in speleologia) al fine di consentire lo svolgimento della visita in piena sicurezza. Abbigliamento che si possa sporcare bandana, da mettere sotto il casco e guanti da lavoro) Durata dell’itinerario: Circa 2 ore. Si tratta sicuramente dell’itinerario più avventuroso in quanto presenta, oltre alle difficoltà evidenziate nell’itinerario precedente, l’ingresso agli ambienti tramite la calata in un pozzo della profondità di circa 12 metri. La visita consentirà di accedere all’interno delle casematte della Pusterla che, per la loro importanza strategica, sono quelle più grandi di tutto il Castello di Brescia. Alla visita potranno iscriversi solo maggiorenni o, eventualmente, ragazzi/e di età superiore ai 16 anni, purché accompagnati da un genitore che partecipi alla visita. Di solito viene effettuata nella mattinata di domenica con partenza alle ore 9 e termine verso le ore 12,30-13.Su richiesta può essere effettuata anche in altre giornate, ma sempre al mattino, mai di sera. I partecipanti, che dovranno indossare abiti comodi (consigliamo una tuta tipo meccanico in quanto è molto facile sporcarsi) e calzare scarponcini o similari, verranno equipaggiati con imbragatura di tipo alpinistico e casco con impianto a led al fine di consentire lo svolgimento della visita in piena sicurezza. Portarsi dei guanti da lavoro e una bandana da mettere sotto il casco. Durata di ogni itinerario: Circa 3/4 ore.

Visita al Bastione della Pusterla

Si tratta sicuramente dell’itinerario più avventuroso in quanto presenta, oltre alle difficoltà evidenziate nell’itinerario precedente, l’ingresso agli ambienti tramite la calata in un pozzo della profondità di circa 12 metri. La visita consentirà di accedere all’interno delle casematte della Pusterla che, per la loro importanza strategica, sono quelle più grandi di tutto il Castello di Brescia. Alla visita potranno iscriversi solo maggiorenni o, eventualmente, ragazzi/e di età superiore ai 16 anni, purché accompagnati da un genitore che partecipi alla visita. Di solito viene effettuata nella mattinata di domenica con partenza alle ore 9 e termine verso le ore 12,30-13.Su richiesta può essere effettuata anche in altre giornate, ma sempre al mattino, mai di sera. I partecipanti, che dovranno indossare abiti comodi (consigliamo una tuta tipo meccanico in quanto è molto facile sporcarsi) e calzare scarponcini o similari, verranno equipaggiati con imbragatura di tipo alpinistico e casco con impianto a led al fine di consentire lo svolgimento della visita in piena sicurezza. Portarsi dei guanti da lavoro e una bandana da mettere sotto il casco. Durata di ogni itinerario: Circa 3/4 ore.